Poesie, racconti, riflessioni, favole, lettere, dediche... in forum    

Scrivi a fioridipensiero

 

Pubblicazione di scrittori dilettanti in forum





 
  









 
 










 

 
  © E' vietato copiare qualsiasi cosa senza l'autorizzazione dell'autore    

Webmaster Cobite 

 

 

 

 
 

 

 


 

 

 

 

Poesie in pergamena

Pergamena Luglio 2008
Poesie scelte dal forum Fiori di pensiero


 

 

Aprile  di aise51
Consapevolezza di grisby60
Dall'esilio del cuore di  .rosella.
I miei pensieri all di fil0diseta
La foglia di mhimhi
L'amore distrugge  di  un@ltrame
Levata la carta rimane la svolta di il_funambolo
M'inoltro timoroso di  giangi53
Non sono una bambola di porcellana di Versolibero
Ora è il tuo pensiero che mi fa di  -chiaraluna-
Quando un uomo piange di  auroraageno
Rinascere di Raggio di Sole21.
Scalza tiravo sassi all'acqua di iduegabbiani
Sguardo ferito di elfo nero
Sognando attimi di tenerezza di ariele57
Sospensione di Lupesciolo
Succede di pennabianca1957
Urlo di Branwen-eylon
   
   

 

 

 


 

 

<< su  
<< Home

 
 

 

 

 


 

 

 


 

 

 


 

 

 

 

 

<< su
<< Home

 
           
           


 

 


 

 

 

 

    Aprile
di  aise51  


Sul viale abbracciato dai pioppi
che s'inchinano al sole,
vanno effimere ali bagnate
di porpora e oro.

E' pur questa la gioia:
non più guerra nei giorni a venire
solo un lieve passare

e nell'aria il profumo dell'erba
spettinata d'aprile

 
______

 

 

 

 


 

 


< su
 

 


 

 

 

 

   Consapevolezza
di  grisby60  


E’ cresciuta
tra orologi in battere continuo
questa mia esistenza d’amido stirata
respirata tra picchi d’applausi invitanti
per recite da serata prima.

Lungo
i viali in fiore della primavera
sommersa nel clamore di voci osannanti
s’è sparsa in aria come pulviscolo
appendendosi alle brezze del momento
senza ricomporre altra essenza.

Nei tramonti
che han segnato rughe lungo i giorni
anche il repertorio s’è portato al fondo
la maschera ha scelto d’esser volto
ed il teatro ha perso spettatori.

Ogni frase oggi
s’addormenta intonando se stessa
mentre stanco si dondola il pensiero
zigzagando tra la complessità dei resti
di un confuso confrontarsi.

Ora che il tempo
spietato s’affaccia all’ultima stazione
va prendendo forma nella mente mutilata
una esistenza finalmente mia.
 
 
______
 

 

 

 


 

 


< su
 

 


 

 

 

 

    Dall'esilio del cuore
di  .rosella.   


Dall'esilio del cuore
vedo cadere goccia a goccia
gli istanti eterni
dall'arida fontana del tempo,
riempiono anfore di assenze e
di dolore!

Delirando va morendo
il giorno e la notte, che tremenda avanza
non annuncia speranza.
Si allontana pian pian il mondo
ed io tocco il fondo! 
 
 
______

 

 

 

 


 

 


< su
 

 


 

 

 

 

   I miei pensieri all
(titolo incompiuto)
 
di
 fil0diseta 


È un giorno di smalti, da chiudere
dentro a scatolini di latta o di cartone
confuso tra la cipria
e la bambagia di quei cassetti
ancora con l’incastro, da dove
un ricordo non riesce a scappare

È un giorno arrotolato stretto
ai graffi delle fiandre, ai ganci arrugginiti
di un rotocalco del ’62, con la reclam
dei baci perugina

Il tempo scuce le cronologie
e mette le tessere
in equilibrio sul filo dei circensi
oppure, butta dentro tutto quanto
nel dondolo da viaggio
dell’ultima cicogna
 

 
 
______

 

 

 

 


 

 


< su
 

 


 

 

 

 

   La foglia
di  mhimhi  


Non sei
una foglia,
tu sei la foglia.

Le tue vene
hanno un altro
cammino,
il tuo colore
il suo tono.

In mezzo a tante
non ti riconoscevo.
Ma
sul palmo della mano,
osservandoti
ti dico: sei unica.
 
 
______

 

 

 

 


 

 


< su
 

 


 

 

 

 

    L'amore distrugge
di  un@ltrame  


Raccontano favole
l’amore distrugge.

Prende e solleva
questo viaggio artificiale
d’egoismo e sesso.

Ti lascia vuoto:
ha giocato abbastanza
si è nutrito abbastanza
della paura d’essere solo.

Ancora cerchi l’odore
la mano e le promesse
di un estraneo al tuo fianco.

L’amore dà dipendenza:
nessuno che avverta. 
 
 
______
 

 

 

 


 

 


< su
 

 


 

 

 

 

    Levata la carta rimane la svolta
di  il_funambolo  


ho in mente quel che dissi a mia madre
quand'ero innamorato
e avevo gli occhi chiusi

- mi permettevo di inveire
contro pali di legno e animosità
di acciaio, mentre parole
volano, riempiono le camere di
lacrime; sanno d'incenso
e organi da chiesa -

il tempo lasciava segni di magrezza,
quando tutto era finito e mia madre
piangeva di me fino all'abbraccio

- lasciandomi d'impiccio
l'amarezza
d'averla così al limite
ridotta a barzelletta -

al tramonto il sole mi investiva
e il cielo prendeva i toni
del mio colorito livido
ed era come se io
unito al mondo
riuscissi a pensare come i tetti
e i panni al vento
e le correnti d'aria che
si scontrano nuvole

- non c'erano cambi di scena
i venti plasmavano sbuffi
di un unico nembo
e personaggi
e quinte
compenetravano liquide
il lento susseguirsi
di ogni atto -
 
 
 
 
______

 

 

 

 


 

 


< su
 

 


 

 

 

 

   M'inoltro timoroso
di  giangi53  


M’inoltro timoroso
nel tuo tempio ad alte ogive,
architettura ch’ è preghiera

…e dai rosoni filtra luce
che induce a distendere il respiro
per far entrare l’ essenza della vita
e catturar l’ aroma

…e tacitando
il tumultuoso mondo
che cola nella mente,
mi giunge una sinfonia
che s’ inoltra dentro il ventre
a pizzicar le corde

temo d’ essere invadente,
e mi sublimo
per divenire nota di armonia
 
 
______
 

 

 

 


 

 


< su
 

 


 

 

 

 

    Non sono una bambola di porcellana
di  Versolibero 


Questa poesia non parla, non mi vuole.

“Tu non sei che una bambola”, mi dice,
“rassegnati e rimani lì seduta

oggetto tra gli sguardi indifferenti,
a fare compagnia allo scaffale”


Questa poesia non parla, non mi vuole.

Mi sento vuota barca alla deriva,
un foglio bianco spinto in alto mare.

Lontano - sole spento - è il mio Paese
e il corpo mio violato si fa altare.

Perdono gli aguzzini - ho gli occhi buoni -
ma sappi che una bambola non sono:

mi splende dentro l’anima, il sorriso
ucciso con l’inganno - Traditore
 
 
______

 

 

 

 


 

 


< su
 

 


 

 

 

 

    Ora è il tuo pensiero che mi fa
di  -chiaraluna-  

Era in sottopelle la ferita
nulla traspariva, né gioia
né dolore, era tutto così
inaspettato e amorfo


era maledettamente profonda
trovò la forza e sventolò bandiera bianca
per non far udire il grido disperato
ora è il tuo pensiero che mi fa silenzio
 
 
 
______
 

 

 

 


 

 


< su
 

 


 

 

 

 

    Quando un uomo piange
di  auroraageno  


Occhi d'improvviso arrossati
lucidi d'intima emozione
ed ecco scender le lacrime
che a volte una mano
impaziente deterge.
Lacrime di delusione
di rabbia impotente
di cocente dolore
e gli occhi bruciano
come laghetti di fuoco.
E vi son lacrime grate
gonfie di tenerezza
rilucenti d'amore
sul viso scorrono
sospinte dal moto del cuore.
Sia benedetto il pianto
di commozione sincera
riapre all'animo la via
della grazia divina.
Sia lieto alla fine il sospiro
del grande fanciullo
cui era stato detto tante volte:
<< Non piangere, sei un uomo! >>

In silenzio la terra ascolta
e dal cielo s'affacciano gli angeli
quando piange un uomo.

 
______
 

 

 

 


 

 


< su
 

 


 

 

 

 

    Rinascere
di   Raggio di Sole21.   


Silente è questa notte:
solo il canto del mare
culla il mio respiro
e mi sussurra "dormi"

Ascolto...chiudo gli occhi
e stanca mi abbandono
al cadenzato ritmo delle onde.

E' calma, è riposo, è quiete.

Dolci brividi di stelle
innamorate dell'acqua,
polvere di luce nel buio,
percorrono il mio corpo.

Oltre l' oscurità,
là dove si perde il mare,
nell' ultimo orizzonte,
apro il cuore a un nuovo domani.

E lenta incede l'alba,
virginea e timida sposa,
ammantata di tenue chiarore,
salutata da una luna fuggente.

Ha con sé fiori delicati:
li offre, in un soffio leggero,
al giorno tanto atteso
perchè il candore si fonda con l'oro.

...

E' ancora vita.
 
 
______

 

 

 

 


 

 


< su
 

 


 

 

 

 

    Scalza tiravo sassi all'acqua
di  iduegabbiani 


Figlia ribelle
zingara sempre
mi hanno nutrito ricordi e nostalgie

Scalza tiravo sassi all’acqua quando
silenziose spalle si rigiravano nuove nella mia stessa pelle
contro pioggia e sole
Attimo io d’un presente
frammento già d’un passato

I tagli?
Sanava sempre il sale dopo il bruciore

Zingara si!

Compro e vendo solo emozioni
in un giorno sempre più coperto di falsi gioielli

Sogni?

Poter ballare sempre a piedi nudi
violino al suono della tenera risata d’un bambino amico. 
 
 
 
______
 

 

 

 


 

 

 

 

 


 

 

 

 

    Sguardo ferito
di  elfo nero 


Piove la notte su di noi
sulle nostre statue di sale,
il nero avvolge i nostri corpi
aria come ghiaccio,
con il cuore tra le mani
seduti ai bordi del pozzo
davanti a noi le porte del cielo,
tra le nebbie di questi luoghi
sguardo rapito da stelle verdi,
il volo dell'angelo nell'invisibile
hai mai provato un tuffo nel vuoto?
Mani che tremano
e l'inverno tra i capelli
pensieri che abbandonano i cuori
danno forma alle ferite,
senza sanguinare 
 
 
 
______
 

 

 

 


 

 


< su
 

 


 

 

 

 

    Sognando attimi di tenerezza
di  ariele57  


sale decisa
l'ombra della sera
nella strada del ritorno,
come fai cuore mio
a non perderti nel battito,
quando la tristezza
ha colmato laghi di sale,
nel mare del rimpianto scandaglio
la tenerezza dei momenti trascorsi,
sognando di restare a galla.
 
 
______
 

 

 

 


 

 


< su
 

 


 

 

 

 

    Sospensione
di Lupesciolo  


In equilibrio
su corde di violoncello *
ascolto vibrazioni di
foglie al vento.

Molle
mi lascio andare al calore
di un amore.
E' impronta di corpo sull'onda
del suono che
risveglia passioni sopite.

Rimane gioco d'ombre,
veli svolazzanti profumo
e l'orma impaziente del
mio inquilino.


______
 

 

 

 


 

 


< su
 

 


 

 

 

 

    Succede
di  pennabianca1957  


Succede ogni giorno….

c’è un buco nel tempo
che resta sospeso

tra un saluto distratto
e un maledire lanciato dietro le spalle

un secondo di buio nascosto tra gli occhi
uno sguardo sospeso
tra il cielo
e la prossima solita smorfia del viso.


E’ quando mi appoggio
al sentire dei passi lontano

(la tua testa abbassata, le mani sui fianchi
la polvere d’ombra ai capelli…… pensando)

è il luogo, la voce
le scarpe rimaste bagnate sull’erba
mentre passa di nuovo l’odore di maggio.



Stavi seduta, stanotte
sul ciglio del cuore

e adesso
che lascio arrivare il silenzio
fin dentro le ossa

me ne ricordo.


A un tratto
riprendo il respiro

guardandomi intorno, l’ombra sul muro
la pena e il colore uniforme
dei volti struccati

ma la mia giacca
....è macchiata di sogno.



______
 

 

 

 


 

 


< su
 

 


 

 

 

 

    Urlo
di  pennabianca1957  


Non ci sarà vendetta,
le bandiere sono basse,
il vento graffia
i vetri gelati,
le dita trattengono
le unghie affilate,
i corvi guardano verso
il centro di questa
ardente terra bruciata,
solo il mio sguardo
è alto come il sole a mezzodì
e come lampo squarcia
il mio urlo nel vuoto…
…voglio guardare oltre…
 
 
______
 

 

 

 


 

 


< su

Home



 



 

Conteggio dal 14 ottobre 2004