Poesie, racconti, riflessioni, favole, lettere, dediche... in forum    

 

 

Pubblicazione di scrittori dilettanti in forum





 
  









 
 










 

 
  © E' vietato copiare qualsiasi cosa senza l'autorizzazione dell'autore    

Webmaster Cobite 

 

 

 

 

 

 


 

 

 

 

Poesie in pergamena

Pergamena Ottobre 2009
Poesie scelte dal forum Fiori di pensiero


 

 

#1 del ricordo   di lazharus
Ai margini di me di Raggio di Sole21.
Conflitto interiore (papà) di Pearl
Dolore di gioiaedolore
Eros di ~ Shilke
Fumo di colline di FiorediRen90
Il mare di pennabianca1957
Kabul di  grisby60
La finestra di anacron569
La valigia dei ricordi di ninfafedele1
Un cuore fiorito di gioia di  fiordineve
Una voce lontana di  camilloextrema

 

 

 


 

 

<< su  
<< Home

 
 

 

 

 


 

 

 


 

 

 


 

 

 

 

 

<< su
<< Home

 
           
           


 

 


 

 

 

 

    #1 del ricordo
 di lazharus  


Guarda,
senti come respira il mare,
come si lascia togliere
spuma dal vento
e percuote
lo scoglio innocuo

Era un viavai di sentimenti
quest’anima incolta
e quanto amore, quanti sogni,
girandole per ogni vento

Quante mani ho avuto
per tutte voi
unica donna della mia vita,
senza volto, senza scale,
fantasma diurno senti,
guarda come respira 



______

 

 

 

 


 

 


< su
 

 


 

 

 

 

   Ai margini di me
di  Raggio di Sole21. 


Cammino a capo chino
e traccio solchi di memoria
tra margini di alga

Gli occhi ansimano il passato
sulle nubi all' ultimo orizzonte

Languendo il giorno sfiorisce:
col pensiero lo seguo.

Forse è solo vana passione,
amore rapito

...e continuo così,
sulla spiaggia della vita
 
 
 
______
 

 

 

 


 

 


< su
 

 


 

 

 

 

    Conflitto interiore (papà)
di  Pearl 


Lei cadeva
distratta, lontana, morbida
la solita.
Eccola, la chitarra del creato
con la sua voce dolce
come lo scoppiettare del sole
e delle sue passeggiate
su arcobaleni distorti
in quei giorni in cui il freddo
congela anche il canto delle farfalle

la melodia monotona
incantava vento e foglie
strappati alla loro onirica danza
tesi
ad ascoltare il pianto delle nuvole

e le finestre con i loro sorrisi grigi
sbadigliando note sincere,
seguivano l'onda dei rami
carichi di smeraldo
sospinti dalla magia del cielo d'avorio

l’incanto di un pomeriggio d’estate
per un attimo,
il ricordo di un autunno lontano
incastrato tra le pieghe dei miei pianti segreti
e chiuse dentro un cassetto
stanno quelle parole che non ti dirò
che mi porto come una catena
stretta sulla gola di un odio
di cui non ti potrai liberare mai

non ti posso perdonare,
ma ti voglio bene
e nemmeno immagini
quanto mi faccia male
ammetterlo.   
 
 
______

 

 

 

 


 

 


< su
 

 


 

 

 

 

  Dolore
di  gioiaedolore  


Dormo sul sogno più lontano,
assorto nel dolore
stanco cado tra le ore
imbandite in tavole vuote.

Volgo quieto al muro lo sguardo,
e dai quadri tutt'intorno
sorrisi antichi riemergono
dal pascolo di miraggi in seta.

In ordine volano giù dal chiodo,
fulmini splendenti al buio totale,
giudici di momenti passati...
vecchie verità in debole gioia.

Stringo a me l'ultima (tua)foto,
perfino le dita piangono
atto necessario di perdono;
ma il mio regno più non ti appartiene 
 
 
______

 

 

 

 


 

 


< su
 

 


 

 

 

 

    Eros
di ~ Shilke   


Cascate di diamanti
come baci troppo fragili,
irrompono
al tintinnio di un desiderio.

Viandante indiscreto
è l’amore,
inviolabile attimo
di un tempo sconosciuto:
così sulle labbra del vento
ho trovato il giusto veleno
per una notte insonne. 
 
 
______

 

 

 

 


 

 


< su
 

 


 

 

 

 

   Fumo di colline
di  FiorediRen90    


Sulle colline di Dorbinest
ronza l'autunno feroce
di una melodia strozzata
di canne al vento.
Veloci sono le note ingessate
di fumo livido mordace
che percuote l'osso e il cuore.
Profusioni di odori violenti
danzano dall'acqua verde e diafana
e albe e tramonti rosso vermiglio
sobbalzano vibrando nelle pupille nere.
E Dorbinest vive torbida
nelle caverne buie e indistinte
dove chi esiste
stagna in un profondo letargo,
ma Dorbinest muore
sotto i ponti scarlatti del Sole
ferito dai dardi ombrosi
della notte effimera
come il dispotico vento serale
ma pungente come il gambo
di una rosa immacolata di bianco
 
 
______
 

 

 

 


 

 


< su
 

 


 

 

 

 

    Il mare 
di  pennabianca1957 


Il mare
dilungato come un buio
giù disceso dalla luna
un tutt’uno universale
di pieghe e movimento:

sabbia
onde
crescere di rocce
e stelle.

Un pianeta, sfavilla
sbalzato verso l’angolo
del nero, camminando
sembra insegua le mie spalle
mi accompagna
e la luna, più loquace
e più limpida
che il suo brivido di voce in infinito
distingue ombre.

Piccoli pensieri
forse amori
sono le lucciole inventate
sugli alberi e le vele
il dondolio che musica
col vento, i cuori
dei retaggi silenziosi
di passati e
labbra arrese.

Il mare
forse un’assenza
di luce
di spazio
di colore, questo mare
percepito tra la notte
e addossato mollemente
ai muschi dei pontili

o questo
inudibile
movimento sincopato di percorsi astratti

fatto di luce immane
e prossima
di tutto il divenire.
 
 
______


 

 

 

 


 

 


< su
 

 


 

 

 

 

Kabul
di  grisby60 


Anche il sole ha raggi stanchi
confusi tra caligine e urla di dolore,
si leva timoroso dalle tenebre notturne
a illuminare il pianto di gioventù stroncata.

Non ha calore e luce il giorno
che coglie gocce di rosso seminate
da un odio vile che scompagina le carni
il cui peccato è di voler la pace tra le genti.

Ha raggi che colano piangendo
nascosti da una nube senza pioggia,
riempita di rocce scagliate con violenza
da un’esplodere che al cielo cede innocenti.
 
 
 

 

 

 


 

 


< su
 

 


 

 

 

 

   La finestra
di  anacron569   


La luce alla finestra,
lei c’era.
Mi bastava il messaggio
la notte , sognavo di lei.

Domani, saremmo tornati
a correre sull’erba
verso il vecchio ponte sospeso,
ci saremmo specchiati
nel fiume impetuoso.
Come il nostro amore acerbo
come la nostra sete di parole.

Il fiume si è portato via
i nostri anni .
Del ponte, non rimane
che due stanchi piloni.

Passo ancora per quella strada
mi fermo nel buio della sera,
guardo la finestra,
non c’è luce,
Lei non c’è.


 
______
 

 

 

 


 

 


< su
 

 


 

 

 

 

    La valigia dei ricordi
di   ninfafedele1    


Ho fatto la valigia
dei ricordi
dei giorni in cui l'estate
era bambina


vi ho messo tutto ciò che
ho raccattato
lungo la scia
di una cometa
estiva



Piccoli sassi d'oro
e polvere di sale
guscelli di conchiglie
di musica ripiene


e poi la sabbia fine
e bianca
prima che il vento
la trasporti via


Il volo dei gabbiani
e lo spiegare al vento
di qualche vela
bianca


E poi tanti
ricordi
e tanto sole


giornate intere stesi
a non far
niente


immersi con la mente
in mezzo al cielo
seguire con lo sguardo
la scia di un
aquilone


e ritornar bambini
insieme a lei


l'estate dei
ricordi


Mentre la musica di
un'onda
ci fa socchiuder
gli occhi e non pensare.
 

 ______

 

 

 

 


 

 


< su
 

 


 

 

 

 

    Un cuore fiorito di gioia
di  fiordineve 


Era alito di vento,
brezza innocua
carica di profumi irreali,
ireos, mughetti, magnolie:
Paesi lontani,
isole tropicali
quello che avevo nel cuore
che fioriva di gioia;
cielo cobalto, pervinca, gridellino;
aurore rosate
fili d'erba
che s'aprivano ai miei passi
leggeri ed aggraziati.

Aspettative di futuro
luminoso e dorato,
era Primavera.


Un sussulto,
dove sono i colori
in questo Inverno
solitario ed anonimo?


15 settembre 2009


______
 
 
 

 

 

 


 

 


< su
 

 


 

 

 

 

    Una voce lontana
di  camilloextrema  


Le foto di questa fiaba
le ha sbiadite il tempo,
ma i ricordi restano
e grondano sudore,
salato come l’ oceano
che separa i nostri cuori.

Prigionieri sono i sogni
tra i confini virtuali
della sola compagnia
di una voce lontana.

Fissando lo schermo,
ascolto le tue parole

e scopro la malinconia.

 
 

 

 

 


 

 


< su

  

Home



 



 

Conteggio dal 14 ottobre 2004